La prova costume è sempre più vicina e chi ha lavorato sulla forma lo sta già facendo da un po’ di tempo. Anzi, il segreto per mantenersi al top la silhouette è proprio la costanza: nessuna performance da wonder woman ma un’attività fisica costante e bilanciata. Unitamente a una dieta equilibrata, completa e adatta alle esigenze nutrizionali soggettive.

Questo punto è fondamentale, purtroppo non esiste un dimagramento reale senza regolare anche l’alimentazione e l’apporto calorico. Non è necessario seguire regimi da fame o particolarmente strambi e iperproteici, non serve mangiare bistecche a colazione: ciò che occorre è una dieta perfettamente bilanciata, possibilmente drenante e in grado di risvegliare il metabolismo.

L’attività fisica svolge, qui, un ruolo di prim’ordine. Innazitutto, muoversi scatena la produzione di endorfine. Ciò significa meno stress e meno ansia. Meno stress vuol dire, a sua volta, meno fame nervosa e un minor rischio di deleterie abbuffate di zuccheri. Poi, l’attività fisica risveglia il metabolismo, aiuta a bruciare i grassi, migliora la salute cardiovascolare, attiva la circolazione, riduce la ritenzione idrica e tonifica i muscoli in modo mirato.

A ridosso della famigerata prova costume, è importante impostare un programma di rémise en forme che preveda costante esercizio.

Se il budget piange, no problem! Ci si può rimettere in forma anche a costo zero. Come? Il primo consiglio è quello di puntare la sveglia un’ora prima al mattino. Non si tratta di tortura ma del modo più semplice per arrivare al risultato nel minor tempo possibile. Al mattino presto, prima di fare colazione (questo digiuno attiverà il metabolismo), si cammina per 40 minuti a passo spedito e senza soste. Dove andare? Ovunque, a patto di non fermarsi a guardare le vetrine e di mantenere un’andatura costante. Tutto ciò va praticato almento tre volte alla settimana, ancor meglio ogni giorno. Camminare non farà che bene alla salute.

A questo programma di walking, si devono aggiungere tre sessioni di tonificazione alla settimana, da praticare quando si preferisce. Cosa fare? L’ideale è crearsi un mini circuito fitness fatto di esercizi funzionali. Questi ultimi vanno ad attivare tutti i gruppi muscolari in modo armonioso e sono in grado di dare una sferzata ineguagliabile al metabolismo. E vanno eseguiti uno dietro l‘altro, senza pause.

Immancabili, dunque: plank, squat, piegamenti sulle braccia e kettlebell. Quest’ultima è una palla di ghisa con maniglia, l’unico investimento in denaro richiesto. La kettlebell si fa oscillare avanti e indietro, facendo leva su gambe e addome (non sulle braccia), in piedi con le gambe leggermente divaricate.

Il plank, invece, si pratica in posizione prona sollevandosi sui gomiti e sulle mezze punte dei piedi, creando una linea retta con il corpo e mantenendo la posizione il più a lungo possibile. Questo esercizio tonifica: tutte le fasce muscolari addominali (core), la schiena, i glutei, le braccia e le cosce.

I piegamenti a terra, invece, altro non sono che le flessioni: esercizio semplice ma portentoso per attivare il metabolismo.

Infine, lo squat è l’esercizio migliore per tonificare gambe e glutei. Si esegue in piedi, piegandosi come se ci si dovesse sedere (senza sedersi), mantenendo la posizione per alcuni secondi e poi tornando al punto di partenza.

Altri consigli