Sono sempre di più le donne che si dedicano a quello che viene chiamato body brushing. Il periodo che precede l’inizio della primavera è il momento migliore per dedicarsi a questo rituale di bellezza purificando la pelle e riattivando la circolazione. I benefici Inoltre, proprio con la riattivazione della circolazione si favorisce il drenaggio linfatico aiutando tutto il corpo a disintossicarsi prima della bella stagione.

I risultati sono una pelle morbida e luminosa, un metabolismo più attivo, meno gonfiori e anche un umore al top. La pioniera di questa pratica è stata Gwyneth Paltrow sul suo blog Goop ma il rituale è stato pensato da Kneipp moltissimo tempo fa (sì proprio l’abate che ha ideato anche il celebre percorso sgonfiante per le gambe). Il body brushing agisce come l’agopuntura, stimolando le terminazioni nervose presenti sull’epidermide e andando così ad agire sull’intero sistema endocrino.

Il body brushing elimina le tossine, riduce la cellulite, migliora la reazione immunitaria, rilassa e aiuta a diminuire la tensione muscolare.

Ma come si effettua il body brushing? Innannzitutto, al mattino al risveglio e prima della doccia, perché la pelle deve essere perfettamente asciutta e la spazzola, sempre asciutta, inclinata a 45°. Si inizia quindi a spazzolare tutto il corpo, modulando la pressione a seconda della sensazione provata che deve essere simile a un lieve brivido. Si parte dalle estremità, frizionando con più forza piante dei piedi e palmi della mani e si va verso il cuore. Sull’addome la frizione deve essere circolare e andare verso i fianchi. Sulla schiena, dal collo alle spalle. Il tutto ripetuto almeno 3 volte.

La spazzola da utilizzare deve essere specifica per il body brushing e lavata con acqua e sapone. Poi lasciata asciugare all’aria fino a completa eliminazione dell’umidità.

Altri consigli