Nella stagione estiva, siamo tutti alle prese con nuotate, corse, bicicletta e mille espedienti per mantenerci o rimetterci in forma proprio durante le vacanze. Ma le vacanze sono anche un'ottima occasione per dedicarsi all'allenamento del cervello e della memoria.

Allenare anche la mente è importante, perché quando apprendiamo qualcosa modifichiamo biologicamente il nostro cervello, che diventa così più plastico. Le vacanze sono l'occasione ideale per apprendere sia qualcosa di concettuale (una nuova lingua), sia qualcosa di prettamente corporeo (un ballo, uno sport, nuove tecniche di cucina).

Ecco alcune piacevoli attività tipicamente vacanziere che possono aiutarci a mantenere giovane e plastico il cervello:

  • Attività fisica aerobica (corsa, trekking nuoto): agiscono proprio sulle strutture cerebrali atte all'apprendimento.
  • Sonno: attività piacevolissima da praticare in vacanza, il riposo notturno consolida anche gli apprendimenti a cui ci si è dedicati in orario diurno.
  • Alimentazione sana: in vacanza, si cucina con più calma e si gusta anche meglio il cibo. Dunque, perché non sfruttare il periodo per imparare a cucinare in modo sano alimenti ricchi di proprietà benefiche per il cervello? Pesce (omega 3), vegetali e cereali integrali sono la base della dieta estiva mediterranea e sono anche un'assicurazione di lunga vita per la salute cerebrale.
  • Vita sociale: cene con amici, nuove conoscenze, emozioni. La vita sociale, più attiva in estate e in vacanza, stimola le nostre capacità cognitive. Come spiega il dott. Trimarchi,  le relazioni sociali obbligano la mente a funzionare velocemente tra collegamenti e nuove nozioni, mantenendola attiva e giovane.
Altri consigli