Panettoni, pandori, torrone... si sa il periodo del Natale porta con sé un eccesso di golosità e di calorie. Una volta trascorre le festività, però, ci si ritrova con una quantità esagerata di avanzi, soprattutto di dolci. L'idea di pucciare nel caffè pandoro e panettone per mesi a colazione, non è forse delle più allettanti soprattutto se si desidera recuperare la forma e disintossicare un po' l'organismo.

Però, gli avanzi dei dolci si possono riutilizzare in modo creativo, limitandone il consumo a una volta alla settimana. Per esempio, al pranzo o alla merenda della domenica. Oppure se arrivano amici a cena e si desidera un dessert last minute, ma molto goloso e sfizioso.

Con gli avanzi del pandoro, è possibile realizzare un meraviglioso tiramisu in bicchiere. Oltretutto, l'idea della monoporzione tiene lontani da eccessi di gola.

Per creare questa delizia, si pone sul fondo del bicchiere (che deve essere piuttosto grande) un po' di pandoro imbevuto di caffè tiepido, si ricopre con uno strato di yogurt greco bianco alla vaniglia (ottima alternativa al mascarpone) e con granella di nocciole e scaglie di cioccolato. Si continua così, per finire l'ultimo strato con un po' di cacao amaro.

Il panettone avanzato, invece, può diventare un ottimo dessert se viene tostato e servito insieme a una crema alla vaniglia versione sprint. Per tostare il panettone, si può usare sia il grill sia il tostapane vero e proprio. La crema alla vaniglia si prepara rapidamente con latte fresco e un preparato per budino alla vaniglia. I più abili in cucina, e chi ha più tempo a disposizione, potrà invece preparare la classica crema inglese.

E il torrone? Questa delizia italiana, nemica però di linea e denti, può essere sbriciolata e usata come base per una cheesecake. Solitamente, infatti, la base della cheesecake è composta da biscotti tipo digestive e burro fuso. Per limitare i grassi si può usare il torrone e sfruttare le proprietà addensanti (ma sane) degli oli della frutta secca.

Altri consigli