Primi
Per 2 porzioni
Brave in cucina

Ecco una squisita ricetta estiva a base di yogurt e pesce affumicato. Qui proponiamo lo storione, ma si può utilizzare anche pesce spada affumicato o altro pesce di nostro gusto. Raffinato e goloso, un risotto da intenditori!

Lista della spesa
  • 1 tazza ben colma di riso Arborio CRAI
  • 80 g di storione affumicato
  • 1 vasetto di yogurt bianco CRAI
  • 2 bicchieri di prosecco
  • Sale – pepe nero macinato CRAI
  • Olio d’oliva CRAI quanto basta
  • Brodo vegetale anche di dado, quanto basta
  • 1 ciuffetto di prezzemolo fresco e 1 scalogno Filiera Italiana Garantita CRAI
Preparazione

Ecco una squisita ricetta estiva a base di yogurt e pesce affumicato. Qui proponiamo lo storione, ma si può utilizzare anche pesce spada affumicato o altro pesce di nostro gusto. Raffinato e goloso, un risotto da intenditori!

Per un invito estivo, si propone una ricetta fresca, raffinata e leggera. Unisce il gusto del pesce affumicato a quello dello yogurt, il tutto sfumato con prosecco, per un tocco da veri intenditori. Come resistere a una cenetta così? Saremo irresistibili.

Ricordiamo che essendo però a base alcolica, questo piatto non è indicato se il nostro invito prevede la presenza di bambini molto giovani. Prepariamo in questo caso la stessa ricetta senza il prosecco, utilizzando solo brodo vegetale.

Laviamo il prezzemolo e lo scalogno, che triteremo a pezzetti sottili. Friggiamo lo scalogno in olio d’oliva bollente, aggiungiamo lo storione precedentemente tagliato a dadini e mescoliamo. Dopo qualche minuto sfumiamo con il prosecco tenendone da parte il contenuto di una tazzina da caffè, uniamo anche il riso e rosoliamo mescolando per 2 minuti scarsi.

Versiamo il brodo poco alla volta, sempre mescolando, sino a cottura del risotto, che dovrà mantenersi al dente. Mescoliamo il rimanente prosecco con lo yogurt.

Condiamo il risotto con pepe nero macinato e la salsina di yogurt e prosecco. Decoriamo con il prezzemolo fresco tritato.

In abbinamento a questo piatto scegliamo dalla Selezione Cantina CRAI uno squisito vino bianco delle Marche: un Verdicchio dei Castelli di Jesi D. O. C. Il nome deriva proprio dal colore del vino, di una sfumatura gialla tendente al verde. Il profumo è intenso e fruttato. Lo serviremo freddo, ad una temperatura non superiore ai 12 gradi centigradi.