Piemonte
DOC
Origini storiche vitigno
Sebbene vi siano fondate ragioni per ipotizzare la sua coltivazione in loco fin dal Medio Evo, la comparsa storiografica della Barbera è datata 1512, anno a cui risale un atto catastale del Comune di Chieri in cui se ne segnala la presenza. Grazie ad un’immediata diffusione su tutto il territorio la Barbera divenne ben presto il vino che i contadini destinarono al proprio consumo, contribuendo così a costruire quel rapporto quotidiano che ne rappresenta il più profondo tratto identitario.
Luogo
Comune di Santo Stefano Belbo e adiacenti
Vitigni
barbera
Abbinamenti gastronomici
arrosti, bolliti, cacciagioni
Colore
rosso tendente al granato con invecchiamento
Elementi gustativi/olfattivi
morbido, corposo, leggermente tannico - vinoso intenso
Temperatura di servizio
18-20°C
Bicchiere di servizio
calice
Gradazione
13