Situato tra Abruzzo, Lazio e Puglia, il Molise è la seconda regione più piccola d'Italia dopo la Valle d'Aosta. Nonostante le sue dimensioni il Molise racchiude numerosi siti di interesse comunitario (SIC) ognuno dei quali merita di essere visitato.
Tra le città più importanti e antiche vi è Isernia, che malgrado le sfide affrontate nel corso dei secoli, continua a mantenere vivo il turismo. Da vedere assolutamente sono la Fontana Fraterna con l'epigrafe Ae Pont che, secondo storie non confermate, sarebbe appartenuta al monumento sepolcrale di Ponzio Pilato, e la cattedrale di San Pietro, distrutta più volte dai terremoti e prontamente ricostruita.

Nella località di Pietrabbondamente, raggiungibile da Isernia in trenta minuti con macchina o treno, è presente il primo sito archeologico riconosciuto in Europa. Costruito dai Sanniti a partire dal II secolo a.C., il paese sorge in un luogo anticamente strategico perché molto vicino ai confini con Lazio e Abruzzo. Interessanti sono il centro storico, ma soprattutto il teatro comunale originariamente utilizzato sia per attività ludiche sia per funzioni politiche.

A 15 km da Isernia vi è il comune di Castelpetroso, piccolo paese con poco più di 1000 abitanti. La notorietà di questo luogo è data dall'imponente Santuario di Maria Santissima Addolorata costruito proprio in onore della Madonna che, in seguito a diverse apparizioni e alla miracolosa guarigione di un bambino malato di tubercolosi, si è conquistata la magnificenza di tale opera architettonica.

Altri piccoli borghi che meritano di essere visitati sono quello di Cerro al Volturno, sempre in provincia di Isernia, con il castello di Pandone, costruito nell'anno 1000, e la chiesa di SS. Pietro e Paolo, sorta nel 1300 che presenta ancora oggi la campana originale. In circa 30 minuti di macchina è da qui possibile raggiungere il comune di Pesche soprannominato paese-presepe per le sue casette bianche, attaccate le une alle altre e scavate nella montagna.

Per gli appassionati di passeggiate nella natura, il Molise offre diverse soluzioni. Nella località di Monte Cavallerizzo, situata a venti minuti di macchina da Pietrabbondante e poco più di trenta da Isernia, durante le escursioni tenute a circa 1500 m.s.l.m. è possibile godere di un panorama unico che comprende le mura ciclopiche costruite dai Sanniti tra il IV e III secolo a.C.

Ancora, nell'Alto Molise, vicino al confine con l'Abruzzo, vi è la Torbiera di Zittola, una grande distesa incontaminata piena di sorgenti e piccoli fiumi in cui è possibile incontrare diverse specie di animali e piante tipiche della zona. Appartenente al comune di Pescolanciano vi è la riserva naturale Collemeluccio, facente parte del programma MAB dell'Unesco. All'interno dell'area sono presenti diversi sentieri, molto agevoli, percorribili a piedi o in bici. Raggiungere Colle Gendarme vi garantirà uno spettacolo impareggiabile costituito dalla Fonte Cupa, da cui parte il fiume Trigno con il suo antico mulino ad acqua.

Per i viaggiatori più golosi sarà impossibile non provare alcune delle specialità culinarie di questa regione. L'olio del Molise è di eccellente qualità, rinomata anche nell'antica Roma quando letterati come Orazio, Cicerone o Catone ne omaggiavano il gusto e la particolarità.

Imperdibile è la Signora di Conca Casale, un salame prodotto esclusivamente da donne utilizzando le parti più pregiate del maiale e diverse spezie. Ottimo da mangiare da solo o con la 'pizza scimia' ottenuta dall'impasto del pane con aggiunta di olio EVO e semi di finocchio. Si potrebbe poi accompagnare il tutto con un calice di 'Pentro di Isernia', particolare vino della zona, rosso e secco.

whataspp
Altri weekend simili