Bari si raggiunge facilmente dalle principali città d’Italia e possiede anche un moderno aeroporto internazionale. La città si divide idealmente in due parti: Bari vecchia e la parte nuova, scintillante di vetrine.

Bari vecchia farà godere il visitatore delle sue atmosfere antiche e suggestive, con le sue vie strette inframmezzate da scorci panoramici e fiori. Corso Vittorio Emanuele funge da delimitazione tra la parte nuova e antica della città. Il Duomo si affaccia sulla deliziosa piazzetta Madonna dell’Odegitria, attorniata da eleganti dimore.

Non lontano troveremo il Castello Normanno Svevo eretto intorno al 1200 e completato nel 1500. Il castello ospita la Gipsoteca Provinciale ed è visitabile all’interno. Percorrendo via Carmine si giunge alla cittadella nicolaiana raccolta intorno alla Basilica di San Nicola, egregio esempio di arte romanica pugliese e risalente al 1100. Il nostro giro turistico prosegue percorrendo strada Palazzo di Città, per arrivare alla zona est della città vecchia, zona mercantile e un tempo cuore commerciale.

Una curiosità della città vecchia è che passeggiando lungo i vicoli si incontreranno una miriade di edicole sacre, secondo usanze antiche di dedicare piccoli templi alle divinità protettici dei luoghi. Una sfilata di immagini sacre incastonate in nicchie e pertugi, protette e curate con amore dai devoti. Il luogo più antico e sede dell’insediamento primigenio della città è Piazza San Pietro, risalente a 4000 anni or sono e ora sede di scavi archeologici.

San Nicola è l’amato Santo Patrono di Bari, le cui spoglie mortali sono custodite nella Basilica a lui dedicata. Il 6 dicembre la ricorrenza per il suo onomastico vede tutta la città in festa, e ad ogni angolo verranno offerti quadretti di polenta fritta, chiamati sgagliozze. Gli amanti della storia e dell’archeologia non mancheranno una visita al Museo Storico Civico, in strada Sagges 13. Il museo raccoglie una ricca collezione di cimeli borbonici e inerenti la Prima Guerra Mondiale.

Le prelibatezze gastronomiche sono molteplici: in primis le deliziose tipiche orecchiette che secondo tradizione vengono preparate a mano, ancora oggi, dalle donne che le offrono in vendita sbucando dalle loro case. In strada Santa Lucia, nei pressi del castello, troviamo nei panifici ottimo pane, focaccia e il ciccio: una pasta di pizza condita con solo sale. Proviamo anche la tiella di riso, patate e cozze. Il pesce fresco è sempre reperibile e gustoso. Un bicchiere di ottimo buon vino? Non potrà mancare!

Altri weekend simili