Le noci sono un alimento altamente benefico, poiché ricchissime di acidi grassi essenziali (Omega 3) dalla spiccata azione antinfiammatoria e di minerali preziosi, come il magnesio. Dunque, è importante non farle mai mancare nella nostra alimentazione. La frequenza con cui andrebbe consumata la frutta secca è anche quotidiana, purché si faccia attenzione alle dosi.

Con le noci, però, si possono preparare anche ricette davvero sfiziose. E, a volte, non propriamente ipocaloriche: ma c’è sempre la domenica per sgarrare alla dieta, in fondo un giorno free è consigliato anche dai migliori nutrizionisti.

La ricetta del nocino

Una delle ricette più famose, che vede protagoniste proprio le noci, è il liquore nocino. Non è una bevanda da consumare abitualmente, considerato il suo tasso alcolico, ma si tratta di una squisita soluzione per le cene con amici e anche per cucinare alcuni dolci.

Come si realizza il nocino, in casa? I passaggi non sono molti, ma le noci devono essere di alta qualità. Prima di tutto, si puliscono le noci con un panno pulito e umido, poi si fanno asciugare e si tagliano in quattro parti. In seguito, si ripongono le noci in un barattolo di vetro senza guarnizioni in gomma e si aggiungono circa 600 grammi di zucchero semolato (il recipiente deve essere sufficientemente grande).

Si mescola tutto e si ripone il recipiente in un luogo soleggiato per un paio di giorni. Trascorsi due giorni, si aggiunge un litro di alcol a 96 gradi e si mescola di nuovo, riponendo ancora il tutto al sole.
Si lascia riposare per almeno un mese e, infine, con l’aiuto di un panno pulito si filtra il liquore pronto per essere consumato (responsabilmente!).

Un burro speciale

Questa, invece, è un’idea molto sana e golosa per preparare dolci e crostate senza usare il burro (né la margarina o altri grassi). Infatti, pochi sanno che la frutta secca tritata sostituisce egregiamente il burro e, anzi, aggiunge sapore e salute ai dolci che prepariamo (anche per i bambini).

Come procedere? È sufficiente tritare le noci sgusciate e ridurle a una specie di pasta: questo trito, dopo poco tempo, rilascerà preziosi olii, ovvero i grassi necessari per preparare la frolla.

Occorre circa una manciata di gherigli di noci tritati per preparare una crostata o un vassoio di biscotti fatti in casa.

Da unire al burro di noci: farina di tipo 2 (meno raffinata di quella 00), zucchero di canna integrale o agave, scorza di limone bio (biologico perché usiamo la scorza) e uova biologiche. Un pieno di gusto e salute per tutta la famiglia!

 

Contenuti Correlati
Altri consigli