In Valle d'Aosta, proprio ai piedi del Monte Bianco, vi è Courmayeur, una delle località di montagna più conosciute e che attira da sempre moltissimi turisti.

Il paesino, conosciuto grazie alle fonti termali già nel XVII secolo, è diventato sede per gli studi condotti sulla montagna, grazie alla sua prossimità alla vetta più alta d'Europa. Nel secolo successivo, con la costruzione di strutture ad hoc, si è imposta come meta di riferimento per sportivi ed escursionisti.

Chi ama sciare, infatti, deve sapere che il paese offre diverse piste, per tutti i livelli di difficoltà, che arrivano complessivamente a cento chilometri di lunghezza. Inoltre, nei pressi dei centri sciistici sono presenti diversi alberghi e residence che permettono ai più sportivi di raggiungere con maggior facilità i luoghi d'interesse. Chi Se, invece, si desidera passare un weekend più rilassante e meno movimentato, può contare sul centro città che garantisce altrettante strutture per il pernottamento e il relax.

Le meraviglie che Courmayeur regala ai suoi ospiti non sono poche. Basti pensare che qui si trova la funivia più alta del mondo, la Skyway Monte Bianco, un’opera architettonica, Made in Italy, costruita principalmente in vetro con cabine rotanti per permettere agli utenti di godere a 360° del meraviglioso panorama circostante. Giunti ad alta quota, si incontrano bistrot e ristoranti che sposano sapientemente gusti tradizionali a tecniche culinarie innovative.

Per gli amanti dello shopping imperdibile è la strada principale di Courmayeur, via Roma, piena di negozi e piccole botteghe in cui fare acquisti e scoprire i tipici prodotti valdostani come il bleu d'Aoste, delizioso formaggio alle erbe o il Vallée d'Aoste Blanc de Morgex et de La Salle, il vino prodotto più ad alta quota nel mondo.

Le attrazioni presenti nell'area di Courmayeur sono davvero molte. A meno di 4 km dal paesino è presente il Santuario di Notre-Dame de Guérison. Questa chiesa custodisce una statua dedicata alla Madonna, creata nel Seicento in seguito alle miracolose guarigioni avvenute nel luogo.

Altra meta da non perdere è il Museo Alpino Duca degli Abruzzi. Inaugurato nel 1929 custodisce la storia, sin dalla principio, delle guide alpine e delle spedizioni fatte nel corso della storia. Dalla frazione La Visaille di Courmayeur parte un percorso escursionistico di facile percorribilità per arrivare in una prima tappa al lago Combal, piccolo ma pur sempre da vedere, per terminare con il lago del Miage situato a 2017 m.s.l.m. Sempre dal paese, prendendo la macchina per poi lasciarla e proseguire a piedi, è possibile raggiungere dal paese il ghiacciaio della Brenva, fonte del lago.

A 15 km da Courmayeur, sul confine tra Italia e Svizzera, si erge Col Ferret dove viene organizzata un'imperdibile escursione. Partendo dalla località di Arnouva si arriva al rifugio Elena, punto da cui è già possibile godere di un magnifico panorama (e da cui partono diversi percorsi a cui i turisti possono partecipare, anche con alti livelli di difficoltà), si prosegue arrivando al confine tra i due Paesi. Continuando per un altro tratto in salita si giunge alla Tête de Ferret, la vetta più alta del luogo.

Nelle stagioni più calde sono organizzate escursioni per raggiungere il Rifugio Bonatti, dedicato allo alpinista Walter Bonatti, inaugurato nel 1998. Lungo il percorso trai boschi si può godere di panorami irripetibili, come quello del ghiacciaio di Fébrouge. Poco prima di arrivare al rifugio, su un dosso a 2025 m, ai piedi delle Grandes Jorasses si può ammirare la vetta del Monte Bianco e il ghiacciaio del Miage.

Altro luogo che merita, ma che è situato nella parte francese, è il gruppo montuoso di Rocheford che inizia con Colle del Gigante e termina alle Grandes Jorasses. Lungo il percorso si incontra il Dente del Gigante, una delle vette più caratteristiche e riconoscibili del massiccio del Monte Bianco.

whataspp
Altri weekend simili