Il Parco di Paneveggio – Pale di San Martino, provincia di Trento, si può raggiungere percorrendo l’autostrada del Brennero con uscita a Ora. Si prosegue quindi lungo la strada statale delle Dolomiti per la Val di Fiemme, direzione Predazzo sino ad arrivare a Paneveggio, che dista 98 km da Bolzano. Se invece si proviene dal Veneto occorre seguire la superstrada della Valsugana. Nei pressi di Bassano del Grappa ci si immette nella strada statale del Passo Rolle, direzione Fonzaso, Fiera di Primiero e San Martino di Castrozza. Superato il Passo Rolle si raggiunge Paneveggio. Provenendo invece da Belluno, occorre valicare il passo Cereda, a circa 90 km da Cortina d’Ampezzo.

In realtà, Paneveggio è un piccolo borgo di case sparse al centro della foresta secolare del Parco, popolata da cervi, caprioli e persino linci. Grande ritorno nelle nostre montagne è quello del lupo, dopo una sparizione di oltre un secolo. L’ultimo orso venne invece abbattuto nel 1904 e non è più stato reintrodotto. Può sembrare un dettaglio non degno di nota, invece perché non riflettere sulla legittimità di questi animali di dividere il territorio in cui sono esistiti da millenni con la specie umana? Perché mai la specie umana deve negare alle altre specie viventi il diritto di vivere esattamente come noi? Domande alle quali non si può non dare peso, visitando queste meravigliose vallate bianche.

Sugli altissimi abeti rossi della foresta, alti anche oltre i 45 metri, sui larici, gli ontani e i pini nidifica una moltitudine di avifauna. Ma al tramonto sono i rapaci che fanno da padroni, e al turista incuriosito non resta che cercare di decifrare i suoni. Civetta, gufo? Per gli appassionati, il cielo sgombro da inquinamento dato dall’elettricità cittadina sarà come una mappa, per riconoscere le costellazioni.

A tavola poi non si sbaglia mai. Speck e affettati squisiti, gustati con pane caldo e burro che sa proprio di latte. Selvaggina, a chi piace, da assaggiare senz’altro. E strepitosi dolci a base di mele o frutti di bosco.

Pochi chilometri di strada e si raggiunge San Martino di Castrozza, rinomata stazione sciistica, con i ristoranti, i negozi eleganti, i caffè. Ed è tutta un’altra storia.

Altri weekend simili