Con la bella stagione, arrivano anche le allergie. Starnuti, occhi rossi e che lacrimano, gola gonfia e senso di soffocamento… Sono tutti sintomi delle allergie stagionali, da analizzare con il medico per decidere la terapia più appropriata e più efficace.

Una volta effettuate le analisi e stabilita la cura, vi sono però delle accortezze che facilitano la vita degli allergici. Questi tips di stagione aiutano a godersi appieno le giornate di sole e bel tempo e riguardano alcuni cibi. Alcuni alimenti, infatti, non fanno che aumentare il nostro "potenziale" allergico, peggiorando sensibilmente sia il quadro clinico complessivo sia la percezione dei sintomi che sembrano immediatamente più acuti. Poi, vi sono alcuni cibi che, al contrario, migliorano la situazione globale, aumentando il senso di benessere e contribuendo a rendere i farmaci (antistaminici, cortisonici) ancora più efficaci.

Tra gli alimenti da evitare, molti fanno parte della categoria frutta e verdura: mele "ambrosia", fragole, pomodori, noci e frutta secca, sono tutti cibi che contengono istamina, una molecola in grado di innescare il processo allergico. O, comunque, di peggiorare, i sintomi già esistenti. Per lo stesso discorso, nei periodi a più alto rischio di allergia, è molto meglio tenersi alla larga da frutti di mare come i crostacei, dal cioccolato e dal vino.

L'alimentazione ideale per contrastare le forme allergiche o, comunque, per mantenere l'organismo in uno stato di benessere "neutro" consiste in un consumo ottimale di acqua: idratare a dovere il corpo permette, infatti, di smaltire più velocemente sia gli allergeni sia le tossine. Inoltre, bere tanto e bere bene (frequentemente ma a piccoli sorsi) agevola il drenaggio dei liquidi e di tutte le sostanze medicinali assunte dagli allergici (soprattutto se si prende il cortisone).

Escludendo gli alimenti carichi di istamina, si può consumare di tutto. Meglio se con abbondanza di verdura verde e patate: ricchi di potassio, questi vegetali sono funzionali al detox e contrastano la stanchezza associata all'allergia. Se si vuol fare di più, è bene sapere che il ribes nero funziona da cortisone naturale (senza peraltro averne gli effetti collaterali). Basterà recarsi in erboristeria o in farmacia e acquistare il gemmoderivato, cura preventiva e sintomatica efficace anche per i bambini.

Inoltre, se siete allergici è meglio evitare i parchi ma è anche bene non chiudersi in casa. I pollini, infatti, tendono a ristagnare proprio tra le pareti domestiche rendendo l'aria ad alto tasso di rischio persino nella tranquillità casalinga. Sono perfette, in questi casi, le zanzariere che fungono anche da barriera per i famigerati "pelucchi" svolazzanti.

Opportuna è, invece, un'ottima igiene di tende, tendaggi, tessuti d'arredamento e filtri di condizionatori & Co. Nei periodi di forte allergia stagionale, infatti, ci si sensibilizza maggiormente anche nei confronti degli acari.

Altri consigli